Anno del Drago-Prato Museo Pecci

Dall’Anno del Drago alla performance audio-visiva dei Masbedo con Gianni Maroccolo e Lagash :il 30 maggio serata da non perdere al Centro Pecci di Prato.

Il 30 maggio al Centro per l’arte contemporanea luigi Pecci, due eventi che celebrano la contemporaneità nella maniera più alta. La densa giornata al Museo del 30 maggio è stata penssata per inaugurare l’orario estivo che vedrà l’apertura del museo dalle 16 alle 23, ogni giorno, con visite guidate gratuite al costo del biglietto alle ore 21.00 ogni mercoledì. La serata inizia alle 19.00 con l’inaugurazione della mostra a cura di Dryphoto e dell’Associazione Buddista della Comunità cinese in Italia che ospita i lavori degli artisti Andrea Abati, Stefano Boccalini, Michelangelo Consani, Leone Contini, Da Wing, Valentina Lapolla, Shou Li, Franco Menicagli, Robert Pettena , chiamati a lavorare sul tema della presenza della comunità cinese a Prato partendo dall’evento dei festeggiamenti per l’inizio dell’anno del Drago. A seguire un apertitivo italo-cinese a base di piatti tipici della cultura cinese.

Alle 21.00 sarà presentata la nuova performance audiovisiva dei MASBEDO, quinta tappa di una serie di performance iniziata al MAXXI di Roma e approdata in Festival di teatro e musei internazionali, fino ad arrivare alla più recente presso l’Ambasciata Italiana di Berlino durante la Biennale 2012. La performance al Centro Pecci si intitola ORGIA # 5. I MASBEDO proiettano su più schermi, in una sorta di trance agonistica, una sequenza di immagini generate al momento e quindi musicate live da Lagash, bassista dei Marlene Kunz e  da Gianni Maroccolo: la performance è totalmente improvvisata e permette al pubblico di diventare testimone della genesi di un’opera performativa di videoarte. Oggetti e fotografie accumulati su tavoli rappresentano un universo statico che prende vita grazie ai gesti, all’azione filmica e musicale degli artisti.  La performance prende forma tra metafore visive e associazioni libere di pensieri..

 L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Info

Ufficio Stampa Museo Pecci

0574 531828

Annunci

MACAO E’ DI TUTTI PROTEGGIAMOLO

 

Sabato 5 Maggio i cittadini e i lavoratori dell’arte, dello spettacolo e della cultura sono entrati nella torre Galfa per aprire Macao, il nuovo centro per le arti di Milano.
La torre Galfa è di proprietà di fondiaria Sai li cui presidente onorario è Ligresti, uno storico grattacielo nel centro direzionale di Milano, abbandonato da più di quindici anni.
Un’apertu…ra che ha coinvolto in modo straordinario e trasversale migliaia di persone, che da una settimana stanno lavorando senza sosta per rendere questo spazio vivibile e visibile.
Siamo in tanti ogni giorno a sperimentare un’esperienza di condivisione, di intenti e di visioni che sta delineando una prospettiva inedita nella costituzione di un centro per le arti e la cultura in questa città.
Innumerevoli le richieste da parte di Accademie, Università e intellettuali di partecipare a Macao, condividendo le loro conoscenze, mettendo a disposizione i loro mezzi di produzione, trasportando intere classi e workshop all’interno di uno spazio che, sempre più, si sta delineando come una situazione finalmente immaginabile di bellezza e di ricchezza.
Crediamo che questo processo di partecipazione che tutti stiamo vivendo con stupore ed entusiasmo, rappresenti finalmente una nuova prospettiva di fare e ripensare la cultura, in un periodo dove troppo spesso questa è relegata a cosa di secondaria importanza, a causa di una crisi generalizzata che sempre più è dispositivo che ci impedisce di immaginare il futuro. Crediamo che a Macao si sta invece mostrando con forza, tenacia e incredibile visionarietà un altro modo di pensare i rapporti di forza e un altro modo di intendere i tempi di vita. Tutto questo è contagioso.
Detto questo, le minacce di sgombero sono molto pesanti e imminenti, non dobbiamo lasciare questo meraviglioso processo in mano a una logica di repressione poliziesca.
CHIEDIAMO AI TUTTI, CITTADINI, ARTISTI E INTELLETTUALI, DI SOTTOSCRIVERE E DIFFONDERE QUESTO APPELLO PER PROTEGGERE MACAO.
Macao
Per firmare l’appello inviare una mail aproteggiamomacao@gmail.com